Varicella forma lieve senza febbre

è una forma infettiva dovuta probabilmente ad un streptococco.Dopo compare un lieve esantema, caratterizzato da piccolissimi puntini rossi in rilievo e molto vicini tra di loro, che partono dal volto per poi estendersi al tronco e agli arti.La terapia si basa sul riposo al letto e sulla somministrazione di farmaci antipiretici.Tale malattia, dovuta ad un virus, colpisce quasi esclusivamente i bambini tra le 6 settimane e i 3 anni.La sintomatologia tipica della malattia, che dura pochi giorni e guarisce spontaneamente, inizia solitamente ad una settimana dal contagio e comporta uno stato di malessere generale, accompagnato da febbre non elevata, e arrossamento della gola, sulla quale certe volte si vengono a formare delle placche e, in certi casi, da vomito e diarrea.Per tale motivo, è consigliabile a due settimane dalla guarigione effettuare un esame delle urine.Si manifesta con arrossamenti della mucosa della bocca, della lingua e della cute del dorso di mani e piedi, che evolvono in ulcerazioni dolorose in bocca e sulla lingua e piccole vescicole a sugli arti.Non ci è dato sapere quante occasioni ha avuto per cambiare la sua vita. Tali eruzioni possono essere puntiformi e papulose e si manifestano prima in sedi specifiche e poi si diffondono su tutto il corpo.E’ caratterizzata da febbre ed esantema simile a quello della scarlattina, di cui rappresenterebbe secondo alcuni una forma attenuata.Colpisce in prevalenza bambini, ma può colpire anche gli adulti.Le eruzioni cutanee hanno breve durata, scompaiono infatti in un paio di giorni, senza nessuna conseguenza per la pelle del bambino.La sintomatologia tipica della malattia comporta febbre, mal di testa e malessere generale. La terapia consiste in riposo e somministrazione di antipiretici., l’esantema compare in tre stadi: nel primo le guance diventano rosse; nel secondo interessa il tronco e sul lato esterno degli arti e sulle natiche; nel terzo si ha uno schiarimento irregolare con la formazione di un esantema a forma di reticolo che può persistere fino a 20/40 giorni dopo la sua prima comparsa e ripresentarsi dopo uno sfregamento, un bagno o esercizio fisico. sono inermi e non riescono a debellare questa afflizione.

Non riusciremo mai a capire cosa ha portato questo uomo a ridursi così. Un destino avverso che poteva essere anche il nostro? di un esantema, da cui il nome, ossia un’eruzione cutanea in forma variabile, associato a sintomi di carattere generale, il più delle volte febbrili.Generalmente non comporta conseguenze, neanche se contratta in gravidanza, ma in rari casi può provocare delle complicazioni a livello renale.La terapia è antibiotica, associata ad antipiretici in caso di febbre.Non sapremo mai cosa si nasconde dietro la vita di questo essere umano. se non riusciamo ad eliminare questa piaga, di fame e sofferenza umana? Io, nondimeno, sono un fallito perché oggi scrivo quello che dovevo solo immaginare.ed è una infezione virale che colpisce soprattutto i bambini.


laserhawk      
Inizia con un brusco innalzamento della temperatura corporea, tra i 39° e 40°, e l’esantema, costituito da elementi puntiformi o chiazze di color rosa, compare nel momento in cui si ha la crisi di febbre.